News

03/11/2017 - Trasferimento della Biblioteca della Corte di Appello di Salerno alla Cittadella Giudiziaria

Si rende noto che dal 8 novembre 2017 i servizi resi dalla Biblioteca della Corte di Appello di Salerno saranno fruibili presso la Cittadella Giudizia... [ Leggi tutto ]

31/10/2017 - AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI PER L’APPALTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI PER L’APPALTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE DI IMPORTO PARI O INFERIORE... [ Leggi tutto ]

domanda elenco ditte - albo fornitori -

30/10/2017 - Nei prossimi giorni convenzione per l'installazione dei distributori automatici presso la Cittadella Giudiziaria

Si rende noto che, a seguito di gara ad evidenza pubblica, nei prossimi giorni sarà sottoscritta apposita convenzione per l'installazione dei d... [ Leggi tutto ]

30/10/2017 - Gara, tramite Mercato elettronico, per l'aggiudicazione del servizio di trasloco alla Cittadella Giudiziaria degli uffici operanti ad Eboli del Tribunale di Salerno

Si rende noto che è stata indetta la gara, tramite Mercato elettronico, per l'aggiudicazione del servizio di trasloco alla Cittadella Giudiziar... [ Leggi tutto ]

19/10/2017 - TIROCINANTI EX ART.73, CO. 3 D.L. N.69/2013

Graduatorie tirocinanti ex art. 73, CO. 3 D.L. N.69/2013  

Tirocinio formativo ex art. 73, c.3 d.l. n. 69-13

News dal mondo del diritto

  • 25/05/2016 - Ordinanza emessa in data 20 maggio 2016 dalla Corte di Appello di Salerno (Pres. Tringali - rel. Pellegrino)in tema di revoca della pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici

  • 24/04/2016 - Sentenza Cassazione Penale, Sezioni Unite n. 13681, ud. del 25/02/2016, dep. il 06/04/2016 (Pres. Canzio, Rel. Blaiotta) in tema di non punibilità per particolare tenuità del fatto ex art. 131 bis c.p.

  • 15/04/2016 - Sentenza n. 623/2016, emessa dalla Corte di Appello di Salerno - sezione penale il 18 marzo 2016 in tema di depenalizzazione e prescrizione (Pres. estens. Dott. Pellegrino)

  • 15/04/2016 - Cassazione penale, sez. III, 25/10/1996, n. 10238 - Estinzione del reato e prescrizione; Sentenza Corte di Appello di Salerno, 18/03/2016, dep. contestualmente, n. 623/2016 (ricerca e redazione a cura della dott. Rita Guerra)

  • 07/04/2016 - Circostanze del reato - Suggestione di folla in tumulto - Sentenza n. 469/2016, emessa dalla Corte di Appello in data 01/03/2016 (Pres. Tringali - Estens. Pellegrino)
News dallo spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia -
a cura dell'Osservatorio www.slsg.unisa.it

02/11/2017 - Regolamento del Consiglio del 12 ottobre 2017 - istituzione Procura europea

Il regolamento istituisce – ex art. 86 del TFUE – la Procura europea, competente ad individuare, perseguire e portare in giudizio gli autori dei reati che ledono gli interessi finanziari dell’Unione e i loro complici. Tale organo svolge indagini, esercita l’azione penale ed esplica le funzioni di pubblico ministero dinanzi agli organi giurisdizionali competenti degli Stati membri fino alla pronuncia del provvedimento definitivo.

Testo integrale del Regolamento

02/11/2017 - Sentenza della Corte di giustizia del 17 ottobre 2017 - dati - competenza

Secondo l’articolo 7, punto 2, del regolamento (UE) n. 1215/2012, concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale, una persona giuridica la quale lamenti che, con la pubblicazione su Internet di dati inesatti che la riguardano e l’omessa rimozione di commenti sul proprio conto, sono stati violati i suoi diritti della personalità, può proporre un ricorso diretto alla rettifica di tali dati, alla rimozione di detti commenti e al risarcimento della totalità del danno subito dinanzi ai giudici dello Stato membro nel quale si trova il centro dei propri interessi. Quando la persona giuridica interessata esercita la maggior parte delle sue attività in uno Stato membro diverso da quello della sua sede statutaria, tale persona può citare l’autore presunto della violazione sulla base del luogo in cui il danno si è concretizzato in quest’altro Stato membro. Contrariamente, essa non potrà proporre un ricorso diretto alla rettifica di tali dati e alla rimozione di detti commenti dinanzi ai giudici di ciascuno Stato membro nel cui territorio siano o siano state accessibili le informazioni pubblicate su Internet.

Testo integrale della sentenza

02/11/2017 - Sentenza della Corte di giustizia del 25 ottobre 2017 - trasferimenti Dublino

Ai sensi dell’articolo 29, par. 2, del regolamento Dublino III, se il trasferimento non è eseguito nel termine di sei mesi definito all’articolo 29, paragrafi 1 e 2, di tale regolamento, la competenza passa automaticamente allo Stato membro richiedente, senza che sia necessario che lo Stato membro competente rifiuti di prendere o riprendere in carico l’interessato. Inoltre, la Corte precisa che, anche alla luce dell’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’UE, il richiedente protezione internazionale deve poter disporre di un mezzo di ricorso effettivo e rapido che gli consenta di far valere la scadenza del termine di sei mesi intervenuta successivamente all’adozione della decisione di trasferimento. Il diritto, che una normativa nazionale come quella di cui al procedimento principale riconosce a un tale richiedente, di invocare circostanze successive all’adozione di tale decisione, nell’ambito di un ricorso diretto contro la medesima, soddisfa tale obbligo di prevedere un mezzo di ricorso effettivo e rapido.

Testo integrale della sentenza