Archivio delle News dallo Spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia

Spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia – a cura dell’Osservatorio www.slsg.unisa.it

01/04/2020 - Sentenza della Corte di giustizia del 19 marzo 2020 - direttiva procedure - protezione internazionale

La Corte di giustizia, interpretando l’art. 46 della cd. “direttiva procedure” (direttiva 2013/32/UE) letto alla luce dell’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali, ha ritenuto che la preclusione di riforma delle decisioni amministrative imposta da una normativa nazionale agli organi giurisdizionali non sia, in linea di principio, contraria al diritto dell’Unione; in caso di annullamento del provvedimento amministrativo, e conseguente rinvio del fascicolo all’autorità competente, occorre però che una nuova decisione conforme alla valutazione contenuta nella sentenza di annullamento venga adottata entro un breve termine; qualora un giudice nazionale abbia constatato inoltre che, in applicazione dei criteri previsti dalla direttiva 2011/95, il richiedente abbia diritto al riconoscimento della protezione internazionale, e però l’autorità amministrativa abbia successivamente adottato una decisione contraria, senza dimostrare a tal fine la sopravvenienza di nuovi elementi atti a giustificarla, detto giudice, qualora il diritto nazionale non gli conferisca alcun mezzo utile a far rispettare la sua sentenza, egli debba riformare tale decisione amministrativa e sostituirla con il proprio provvedimento, disapplicando, se del caso, la normativa nazionale che gli vieti di procedere in tal senso. Infine, la Corte ha ritenuto in linea di principio ragionevole, e conforme al diritto europeo, il suddetto termine di sessanta giorni, espressamente a condizione che il giudice incaricato «sia in grado di garantire, entro un termine siffatto, l’effettività delle norme sostanziali e delle garanzie procedurali riconosciute al richiedente dal diritto dell’Unione»; nell’ipotesi contraria, ancora una volta, il tribunale nazionale è tenuto a disapplicare la normativa nazionale che preveda tale termine, scaduto il quale esso è chiamato a rendere la propria decisione il più rapidamente possibile.

Testo integrale della sentenza

La Corte di Appello di Salerno applica il CAF (Common Assessment Framework) alla propria organizzazione come strumento di miglioramento continuo.

La Corte di Appello di Salerno, primo ufficio giudiziario europeo, a seguito della autovalutazione del GAV (Gruppo di autovalutazione) coordinata da Raffaele Mea, ha conseguito la certificazione europea di qualità e la "Label" di Effective Caf User da parte di EIPA (Istituto Europeo della Pubblica Amministrazione), EUPAN (European Public Administration Network) e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica.

BUONE PRASSI
(best practices)

Ufficio del processo e ragionevole durata: la Banca Dati Digitale Conciliativa (BDDC).